Sapete che lo yogurt si può fare anche in casa?

 

Strumenti che vi renderanno le cose più facili

  • un termometro per alimenti

 

 

 

 

 

 

 

  • una yogurtiera

 

 

 

 

 

  • in alternativa basta anche un Termos

Dovete apere che in commercio ci sono dei prodotti spacciati per yogurt ma che in realtà non lo sono. Infatti se lo usate al posto dei fermenti per fare lo yogurt fatto in casa, alla fine non otterrete nulla e lo yogurt non vi verrà perché i fermenti Lactobacillus bulgaricus e lo Streptococcus thermophilus (che sono i fementi preenti nel vero yogurt) non ci sono.

MA COMINCIAMO A VEDERE COME PREPARARE IL VERO YOGURT

Avete bisogno solo di 1 litro di latte fresco intero pastorizzato o parzialmente scremato e di un vasetto di yogurt intero da 125 gr o in alternativa dei fermenti lattici liofilizzati. Mettete il latte in un pentolino antiaderente e riscaldatelo, avendo cura che la temperatura non superi i 45°C. Utilizzate un termometro da cucina.

La temperatura ideale è intorno ai 37-44°C.

Mettete a fiamma bassa altrimenti parte del latte evaporerà
Arrivati alla temperatura spegnete. prendetene una parte in una tazza dove farete sciogliere mescolando uno yogurt comprato oppure un bustina di fermenti lattici poi riversate tutto nella pentola con il resto del latte, poi preparate 7 vasetti o versate tutto dentro un termos.  basteranno dalle 8-12 ore ed il gioco è fatto.

Se usate il termos fate attenzione alle correnti d’aria  Quando lo yogurt è pronto mettetelo in frigorifero.
Questo yogurt scade dopo circa una settimana – dieci giorni

se utilizzate latte fresco come quello preso dai distributori, va portato a bollitura poi si spegne e si porta a temperatura di 37-44°C e passa alla procedura descritta

Se utilizzate il latte UHT o pastorizzato al posto di quello fresco non occorre farlo bollire perché è già privato dei batteri patogeni. ma secondo il mio parere sempre meglio utilizzare  un latte fresco  preso dal distributore o quello fresco pastorizzato

Se volete aggiungere della frutta fresca fate attenzione perché essendo molto acida può ostacolare il processo di fermentazione. Cuocetela prima o utilizzate una composta o una confettura oppure potete metterla fresca quando consumerete lo yogurt.

Potete farci colazione al mattino preparando uno stupendo Budwing (secondo metodo Kousmine prevede l’aggiunta di semi di lino e un cereale macinati a chicco integrale, di banana e un frutto fresco di stagione)

oppure semplicemente mettere della frutta secca, della frutta fresca, un pochino di miele ed il gioco è fatto.

Potete anche utilizzarlo per la preparazione di Insalate, di Salmone, di Pancake…. insomma c’è da sbizzarrirsi.

Se dovete rifarlo, potete riutilizzare un vasetto di yogurt al posto dei fermenti liofilizzati.

Rimanete in contatto, postero delle ricette semplici e veloci con l’utilizzo dello yogurt.

 

Intanto Buon appetito!!!

 Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *